Archivi tag: magazine

STUMP is here

Ed eccoci, dopo tanto tempo, alla scrittura di un post sul blog!
Dato che prima o poi sarebbe stato inevitabile arrivare alla fine di un percorso di studi – ho deciso di farlo nella maniera più utile possibile: quella di tirare le somme della propria produzione e inserirle all’interno di un portfolio!
Tale prodotto però, non volevo che avesse una vita a se stante, perciò ho ritenuto opportuno approfittare dell’occasione per definire un prodotto editoriale che fosse agilmente adattabile a molte situazioni.

STUMP_logotipiaIl nome STUMP m’è venuto per caso… ero intenzionato a fare qualcosa che avesse un peso (almeno per me) e tirando fuori l’associazione “peso-caduta” mi è tornata alla memoria l’onomatopea #deglioggettichecadonoapesomorto; STUMP appunto.
Controllando all’internet, chiedendo a Google e a suo cugino translate.google, ho scoperto che il termine stump ha diversi significanti, primo tra tutti ceppo. Beh, non aspettavo altro per tirare fuori qualcosa che avesse a che fare con elementi da boscaiolo!
L’associazione di idee che mi ha convinto è stata: “Di solito il percorso di studi rappresenta una semina che negli anni cresce e diventa qualcosa di consistente… ma stavolta ho seminato alberi e raccolgo legna, che mi servirà per costruirmi una casa!”

La metafora bosco-legno-casa mi ha colpito, perché poi in effetti il nostro raccolto ci consentirà (ci dovrebbe – condizionale forever) di costruirci un futuro e magari di avere un tetto.
Ecco il nome della testata: STUMP, il ceppo; simbolo di un momento di raccolta di legna che non è mera a se stessa ma che implica altro lavoro di costruzione. E metafora su metafora, è ovvio che tagliare tutti gli alberi non è cosa saggia; ne tagliamo alcuni, ne lasciamo crescere altri e ne piantiamo di altri ancora!

Detto questo non vi ammorbo più e vi lascio allo sfoglio della versione flipbook di STUMP.

 

STUMP the poster

Poster di riferimento al progetto editoriale STUMP
Poster di riferimento al progetto editoriale STUMP

Typetoken – la rivista online per i “tipofili”

Typetoken is a new online magazine that asks you to join its journey into the symbolic world of typography. The site showcases, discusses and reviews the world of typography, icons and visual language.

Amanti del design tipografico e della tipografia con la T maiuscola, oggi vi porto all’attenzione un sito molto utile e ricco d’ispirazione. Typetoken nasce dalla collaborazione di Mike Sullivan di Mister e Mark Milic di Modularlab, e ancora dal  web developer David Cole di Mayfield Digital

Recensione di libri, eventi tematici e soprattutto presentazione di nuovi caratteri da parte di utenti professionisti e semi-pro – sono gli articoli che completano la struttura semantica del sito, dal design minimale e funzionale, tipico (se vogliamo) della mentalità dei font designer, dove il protagonista principale è il carattere. Il sito offre la possibilità di partecipare attivamente alle pubblicazioni con materiale personale e vostre segnalazioni. Molto interessante è la recensione dei libri tra l’altro utili e belli! Non vi resta che immergervi ulteriormente in typetoken e sguazzare felici nella tipografia.

Hiphop dalla Germania: DEADmagazine

No. Non sono un patito di HipHop e affini!
Però alcune cose mi piacciono, mi intrigano. Girovagando qua e là, tra una pagina di protesta contro la legge bavaglio ed una mancata ricerca su wikipedia italia, mi spunta fuori un link.
Proprio lo stesso o quasi che dà il titolo all’articolo. Clicco e mi trovo catapultato in un sito che si, parla di Hiphop teutonico, ma che è sorprendentemente curato. Sembra costruito da tipografi svizzeri.
Essenziale, leggibile, compatto e comfortevole. Insomma una piccola chicca web.

Come se non bastasse, il sito è corredato di una sezione download e press (in particolare) dove è possibile scaricare il pdf della rivista (DEADmagazine per l’appunto).
Non vi resta che navigarci!